RSS

I ponti di Madison County

novembre 24

Qualche volta si ha la fortuna di incontrare una persona speciale. Raramente capita più di una volta nella vita.
Può capitare per strada, quando da un casuale e fugace incontro di sguardi si ha la sensazione di carpire ogni suo pensiero. Se si trova il coraggio di fermarsi e continuare a guardarsi negli occhi, spesso si scoprono delle affinità inimmaginabili.
Può capitare ad una festa, scontrandosi per prendere l’ultima coda di gambero rimasta sul vassoio: “Prendila tu”, “Ma no dai, figurati”, e intanto lo sguardo indaga, rubando e regalando emozioni.
Può capitare al telefono, per un numero composto male. Senti una voce che ti attrae, ci parli e non senti più nulla intorno a te.
A me è capitato in chat, una sera in cui preparavo la pizza e, come mio solito, sputavo idiozie sul canale che frequento abitualmente. E’ cominciata per gioco, proprio sul canale, davanti a tutti. E’ proseguita in privato, una battuta dietro l’altra, come spesso capita in chat.
Ma questa volta è stata diversa. Ad ogni sua frase percepivo il suo imbarazzo, il suo desiderio di aprirsi, quasi di esplodere. Ad ogni sua frase percepivo pensieri nascosti che somigliavano tanto ai miei. Ad ogni sua frase la sentivo avvicinarsi a me, e con ogni mia frase mi avvicinavo a mia volta. Ma c’era qualcosa in sottofondo, un brusio latente, qualcosa che non riuscivo a percepire chiaramente.
Poi ho finalmente capito: è come me. Ha le mie stesse aspirazioni, gli stessi sogni. Ha i miei stessi bisogni e conosce il modo giusto per soddisfarli. Siamo le due metà di una goccia d’acqua, che perse nell’immensità dell’oceano si cercano senza sapere l’una dell’esistenza dell’altra. E quando si trovano diventa tutto naturale, spontaneo, indispensabile.
Mi è mancata da subito, ancor prima di vederla. Ho sentito crescere impetuoso in me quel sentimento che solo pochi fortunati provano nella vita. E lo sentivo crescere anche in lei, con lo stesso ritmo, gli stessi tempi, le stesse sensazioni.
Vederla è diventato indispensabile, un bisogno primario. Ho guidato tre ore per raggiungerla, per starci insieme nemmeno mezzora. E’ stata la mezzora più lunga di tutta la mia vita e allo stesso tempo la più corta; sicuramente la più intensa. Il suo abbraccio racchiude un affetto tutto speciale, i suoi baci infondono tutto l’amore del mondo. Lasciarla andar via è stato come un pugno allo stomaco. Vederla andar via, la morte nel cuore.
Poi c’è stata la spiaggia. Arrivarci mano nella mano. Stare abbracciati sull’asciugamano, sferzati dal vento e tormentati dagli insetti, e non sentire null’altro che il reciproco calore. E poi l’abbraccio dei nostri corpi nudi, protetti da un involucro di metallo che sembrava una reggia.
Ed ora mi ritrovo con il cuore che scoppia d’amore senza poterglielo dare. Perché ho dovuto dirle addio. Ho dovuto obbligarmi a non sentirla più, violentandomi. Ma ad ogni squillo del telefono, ad ogni messaggio che arriva sul cellulare, il mio cuore ha un sussulto ed egoisticamente spero che sia lei. La voglia di sentirla è tanta. La voglia di vederla, immensa. La voglia di amarla, lacerante.
Io questa volta ho avuto la fortuna di incontrare la mia persona speciale. Siamo le due metà di una goccia d’acqua divise da un oceano di problemi, la mia piccola ed io.

 

Posted by on 24 novembre 2006 in Film, Riflessioni, Sogni

7 Comments

Tags: , , ,

7 responses to “I ponti di Madison County

  1. ladylou

    29 novembre 2006 at 22:02

    Stefanuccio, è piacevolissimo il tuo blog ed anche quel che racconti, con una franchezza che so ben riconoscere 🙂

    Ti voglio bene… eve

     
  2. butterfly69

    17 settembre 2010 at 20:44

    Mi ha toccato il cuore leggere questo post. Sto vivendo, o meglio ho vissuto la stessa cosa! Le tue parole sembrano le sue ma lui non mi chiederà mai di aprire quello sportello!
    Perché non l’hai chiesto … alla “tua piccola”? A volte si ha paura di dar spazio ai sentimenti quando questi rischiano di stravolgere la vita costruita prima di incontrare l’altra metà della goccia.
    Siete voi le Francesche …
    A distanza di anni ti chiedo: cosa è rimasto, dentro di te, di tutto questo?

     
  3. LazyBoy

    17 settembre 2010 at 21:00

    Perché l’avrei obbligata ad una scelta dolorosa. Come Francesca.
    Quello che mi è rimasto è una cicatrice con su scritto il suo nome, che non sparirà mai e che mi ricorderà sempre che l’amore esiste e vale la pena di essere vissuto anche se solo per un attimo, nonostante il dolore arrecato dalla perdita. E nonostante la perdita, preferirei mille di queste cicatrici piuttosto che non averne nessuna.

     
  4. butterfly69

    18 settembre 2010 at 12:12

    Si, hai ragione nel dire che l’amore esiste! adesso lo so anch’io, anche se la mia cicatrice è ancora molto fresca e non mi permette di apprezzare il sapore di quello che ho vissuto.
    Inoltre … Francesca ha avuto almeno la possibilità di scegliere.
    Nella mia vicenda sono io a non chiedere, per lo stesso motivo per cui non l’hai fatto tu. Rinuncio a lui in silenzio e con il cuore straziato.

     
  5. Pandora

    29 ottobre 2010 at 21:08

    …anime gemelle che si ritrovano…ed anche a me è successo come a te, l’impossibilità di proseguire, il sentire qs lacerazione dentro…e capire cmq di aver intravisto uno squarcio d’infinito attraverso i suoi occhi…aspettarci, confidare in un oltre x Noi, qui o…là, da dove le ns anime provengono e dove ci ritroveremo…ed allora sarà veramente x l’eternità. Ti abbraccio, ti capisco, lacrimo e sanguino con te, come te.

     
  6. Alfa

    23 agosto 2012 at 18:43

    ti ho letto in apnea

     
  7. Tina

    24 settembre 2012 at 20:33

    Ho vissuto …..anzi sto vivendo la stessa situazione….lui mi chiede di lasciare mio marito….ed io vorrei farlo!!
    Lui è la mia anima gemella!!!

     

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.