RSS

Tag Archives: Acqua

Un volo pindarico

Pubblicato su La voce del padrone.

L’acqua è la fonte primaria di sostentamento per la stragrande maggioranza degli animali pluricellulari presenti sulla terra. E’ una fonte naturale, teoricamente inesauribile, praticamente in esaurimento. È insapore, inodore, incolore.
Il pane è la fonte di sostentamento più importante, dopo l’acqua, per tutto il genere umano. E’ una fonte derivata, neppure troppo semplicemente, dalla lavorazione di diversi elementi naturali, quali acqua, grano, sale. È saporitissimo, emana dei profumi fantastici in cottura, può assumere diverse colorazioni a seconda degli ingredienti, della preparazione, dei tempi di cottura. Ci sono voluti secoli di perfezionamento, fin dalla preistoria, quando gli uomini pestavano le ghiande per ottenere una farina da cui preparare un pane simile ad una focaccia, perché arrivassimo al pane che conosciamo oggi. Con l’introduzione della lievitazione da parte dei babilonesi, perfezionata poi dagli egizi. Con l’aggiunta di altri ingredienti, come il sale e l’olio, e l’istituzione dei primi forni da parte dei greci. Con l’opera di diffusione operata dai Romani, che probabilmente diedero i natali al pane che conosciamo oggi. Il periodo del Rinascimento diede poi l’ultima spinta così che il pane divenisse l’alimento più diffuso in tutti e tre i mondi. Beh… almeno nel primo e nel secondo.
Il pane e l’acqua insieme costituiscono gli alimenti convenzionalmente elevati a minimo pasto utile al sostentamento di un essere umano. Anche di un cane, in effetti. Figuriamoci poi di un topo. L’espressione “a pane e acqua” è universalmente conosciuta e riconosciuta; la pratica del cibarsi di questi due soli alimenti viene sovente assegnata come tortura o punizione, scelta come penitenza, usata come mezzo per l’elevazione dello spirito. In tutti i casi comunque, l’alimentarsi con i soli pane ed acqua è definito come un sacrificio. Tranne che per Pannella; per lui il sacrificio sono un caffè e una pasta la mattina a colazione.
Il pane inoltre, in quanto alimento dipendente dalla disponibilità delle materie prime che lo compongono, ha attraversato le diverse epoche adattandosi alle necessità degli uomini. Quelle alimentari perlomeno. Così nel medioevo la povera gente era costretta a preparare il pane con l’orzo e il farro, perché non potevano certo permettersi il costosissimo frumento. Spesso la mancanza di alimenti non è stata globale, bensì localizzata ad alcune regioni; il pane originario di Perugia viene preparato senza l’uso del sale a causa del fatto che, per un lungo periodo di tempo, nella Perugia medioevale ci fu un aumento vertiginoso delle imposte sul sale, che causarono alla fine una rivolta della popolazione (passata alla storia come Guerra del Sale), sedata dalle truppe del pontefice Paolo III, il quale, a seguito di questa guerra, diede inizio alla costruzione della splendida Rocca Paolina.
Oggi siamo abituati all’abbondanza di ogni bene. Ci lamentiamo se al supermercato non troviamo almeno due marche diverse di farina, perché siamo convinti sia nostro inviolabile diritto scegliere quella che riteniamo, a torto o a ragione, la migliore, per poi renderci conto che puzza di topo morto e ne porta lo stesso sapore. Però che diamine, l’abbiamo scelta noi.
Ma cosa succederebbe se domani venisse a mancare uno degli ingredienti? E se ne mancasse più d’uno? Meglio ancora, cosa accadrebbe se non potessimo cuocere (e quindi cucinare) più nulla?
Lo so, sembra un’eventualità impossibile, eppure la storia ci insegna che le cose impossibili tendono a smentire la loro natura più spesso di quanto non crediamo. Personalmente avrei ritenuto impossibile vedere una mortadella al governo, ma tant’è.
Il clima mondiale sta cambiando. Alcune specie animali sono in via d’estinzione, altre sono già estinte. Anche la flora subisce il cambiamento senza apparenti lamentele; certo, da una begonia gigante del Brasile non ci si aspetta mica una manifestazione di piazza. Dallo strato di permafrost in assottigliamento si stanno liberando le sacche di metano imprigionate da centinaia di migliaia di anni, incrementando l’effetto serra che ne provoca la liberazione, alimentando così un circolo vizioso che, nel peggiore dei casi, cambierà radicalmente la composizione della nostra atmosfera. Anche le profondità marine hanno il loro simpatico strato di permafrost, che conserva sacche di metano e mantiene stabili le placche continentali; un suo assottigliamento potrebbe provocare immani catastrofi. Ma l’uomo generalmente non è lungimirante e vede ben poco al di là del suo spazio vitale; l’importante è poter uscire di casa, prendere la propria automobile, recarsi al proprio ristorante preferito e ordinare una bella bistecca al sangue, ma che provenga da allevamenti biologici per carità!
Chissà, forse un domani ci renderà felici la semplice consapevolezza che al pranzo della domenica verrà servita una razione abbondante di pane e acqua, ma è un domani che mi auguro di non arrivare a conoscere.

 

Posted by on 5 ottobre 2006 in Riflessioni

Leave a comment

Tags: , , ,

Il re leone

Ecco la testa di un fiero leone, intento a scrutare il tramonto sul mare di Sardegna.
C’era veramente un bel tramonto quel giorno. Vincenzo, Mattia ed io siamo stati in acqua fino allo scomparire totale del sole e della luce diffusa. Non fosse stato per la splendida luna quasi piena, avremmo rischiato di nuotare verso l’Africa invece di tornare a riva.
Strani giochi fa la nostra mente, con la capacità di cercare e trovare forme familiari fra le rocce, le nuvole, gli alberi, persino nei dipinti e in altre opere d’arte. Così vediamo visi nascosti, forme celate e supponiamo (o speriamo) che abbiano un significato e non si trovino li solo per caso.
Forse è lo stesso meccanismo che ci porta a conformare chi abbiamo intorno, a idealizzare le persone che ci piacciono perché vorremmo che fossero ancora più vicine a ciò che desideriamo che siano.
Dopotutto in questa foto ho immortalato solo una roccia, ma a me piace vederci la testa di un fiero leone.

 

Posted by on 22 agosto 2006 in Fotografia

Leave a comment

Tags: , , ,