RSS

Tag Archives: Foto

Il re leone

Ecco la testa di un fiero leone, intento a scrutare il tramonto sul mare di Sardegna.
C’era veramente un bel tramonto quel giorno. Vincenzo, Mattia ed io siamo stati in acqua fino allo scomparire totale del sole e della luce diffusa. Non fosse stato per la splendida luna quasi piena, avremmo rischiato di nuotare verso l’Africa invece di tornare a riva.
Strani giochi fa la nostra mente, con la capacità di cercare e trovare forme familiari fra le rocce, le nuvole, gli alberi, persino nei dipinti e in altre opere d’arte. Così vediamo visi nascosti, forme celate e supponiamo (o speriamo) che abbiano un significato e non si trovino li solo per caso.
Forse è lo stesso meccanismo che ci porta a conformare chi abbiamo intorno, a idealizzare le persone che ci piacciono perché vorremmo che fossero ancora più vicine a ciò che desideriamo che siano.
Dopotutto in questa foto ho immortalato solo una roccia, ma a me piace vederci la testa di un fiero leone.

 

Posted by on 22 agosto 2006 in Fotografia

Leave a comment

Tags: , , ,

Prima dell’alba

At last!
Finalmente sono riuscito ad immortalare un’alba. Non era delle migliori, lo ammetto. Una leggera bruma ha reso i colori di questo sole che sorge molto più simili ad un tramonto, ma ciò che è stato bello non sono gli scatti risultanti, ma il percorso seguito per ottenerli.
Sveglia alle 5:45.
La tragedia nel rendermi conto che era ancora buio.
L’attesa dello schiarirsi con il corpo avvolto nel sacco a pelo, sul pavimento della casupola sul monte che ci ha ospitati.
Piazzare la mia fida Canon Powershot G6 sul largo muretto rivestito in cotto che delimita il terrazzo.
Attendere di vedere lo spicchio di sole che sorge, con sotto il fantasma di una nave passeggeri che passa e che il buon Mattia ha sostenuto fosse una nuvola fino a quando la ragione non ha prevalso sul suo sonno da tricheco.


Sperare (vanamente) nel dissolversi della bruma, per cogliere quei colori pastello tipici di un’alba serena.
Seguire l’ultima caccia dei pipistrelli, prima del loro ritiro nei rifugi protetti dal sole e dal calore che sicuramente trovano chissà dove.
Ascoltare i primi cinguettii degli uccelli, scorgere i loro primi timidi voli, seguirli per vederli atterrare vicino alle piccole pozze d’acqua create dall’umidità della notte, per abbeverarsi, impavidi nell’ora in cui, solitamente, nessuno li disturba.
Vedere i primi veicoli del mattino, o forse gli ultimi della notte, sfrecciare sul lungomare.
Cominciare ad avere difficoltà nell’ascoltare il rumore del mare, che fino a pochi istanti prima era stato l’unico suono udibile, sovrastato dal rumore del giorno.
Ammirare la palla di fuoco che comincia ad emanare il calore e la luce che gli sono propri.


Nel frattempo pensare, vagare con la mente, ricordare.
Un pensiero ad un’amica speciale che non sentivo da tanto tempo, con la quale avrei condiviso volentieri la vista dell’alba.
Tradurre questo pensiero in un misero sms, sperando che lei colga la gioia che questo pensiero mi ha dato nel preciso istante in cui la mia mente lo ha generato.
Attendere ancora un sole migliore, un riflesso più nitido, un colore più esaltante, lo scatto perfetto che non arriverà mai.

 

Posted by on 21 agosto 2006 in Fotografia, Riflessioni

Leave a comment

Tags: , ,